B. – Non senti il bisogno dell’Assoluto?
L. – Io sento solo il bisogno di una mulatta brasiliana di diciott’anni che si apre infinitamente a me e mi serve prima e dopo una caipirinha.

Annunci

Abbraccio un’elite trasversale di potentati economici che dirigano oligarchicamente i destini del pianeta contenendo ogni minaccia di comunismo risorgente e amministrino le risorse per conto delle masse incolte che devono essere guidate e demograficamente contenute alla salvezza del mondo per volontà divina e sapiente decisione dello Spirito Universale da Dio promanato.

(dal discorso di Liberato Affranchi alle masse, giugno 2007 d.c.)

Pena di morte

20 giugno

Sono contrario alla pena di morte, e chi è favorevole dovrebbe essere giustiziato.

Tema di maturità

20 giugno

Svolgimento: se dante aveva il cellulare la Divina Commedia non era più lo specchio del suo esilio solitario ma diventava un blog infernale e la terza rima incatenata un sito per sado-maso pulp, e Dante veniva cinematografato da Tarantino il quale tradisce le sue origini italiche e magari era pure parente a Dante stesso medesimo. Questo componimento non l’ho copiato, il mio vicino di banco, signora maestra, stia attenta che quello ha un auricolare da due centesimi di euro con cui si fa dettare intere voci della wikipedia, è un wikipedofilo, signora maestra, chiamate la buoncostume. Comunque speriamo che mi promuovino, signorina maestra, che i miei non mi compreno la moto se non passo la matura, e senza la moto chi se le carica le sbarbine con la vita bassa che ti alzano il morale e la minchia con il culo di fuori?

Venezia

20 giugno

Se ci passi da venèsiaaaaa,
fatti un giro in gondoletaaaaa,
senza fretta e senza metaaaa,
fischiettando le cansoniiiiiii
di apicella e berlusconiiiiiiiii.

Io se becco mio figlio a drogarsi non gli pago più il cambio di sesso a Casablanca.

La mia religione mi vede come papa di tutte le chiese, unico pontifex che unisce il cielo e la terra, i quattro punti cardinali, claudia cardinale, pasquale squitieri sicut oggi come ieri, accendete i candelabbri e baciatevi con la cera bollente, la cera lacera se viene a contatto con l’epidermide e penetra fino al derma, nessun derma, all’alba vincerò, intanto sto pareggiando i conti col destino palpeggiando i seni di un postino femmina, la postina che tromba sempre due volte: spero di essere all’altezza.